Come effettuare il passaggio da HTTP a HTTPS

Sito non sicuro

Dal 31 gennaio con la nuova versione del browser Chrome è scattata ufficialmente la campagna di Google a favore dei siti sicuri con la CALDA raccomandazione, da parte del colosso di Mountain View, ad installare un certificato di sicurezza sul proprio sito.

I motivi di questa campagna di Google a favore dei siti sicuri sono spiegati in in questo video. Ed il processo sarà inarrestabile.

Pertanto chi non si adegua a questo trend rischia di veder penalizzato il posizionamento del proprio sito anche rispetto alla concorrenza che ha adottato questa strategia oltre ad una penalizzazione del proprio marchio che verrà additato come NON SICURO.

Effettuare il passaggio da HTTP a HTTPS

Come spiegato nell’articolo Da http a https. Gennaio arriva. È tempo di migrare il passaggio non è difficile. Dall’esperienza maturata nel passaggio da HTTP a HTTPS di ben 13 siti sono emerse diverse problematiche. Ognuna diversa per ogni sito.

Quasi tutto è filato liscio. Sulla base delle esperienze delle migrazioni effettuate ho messo a punto una check list con oltre 40 voci da verificare passo passo durante la migrazione. Alcune semplici ed altre più lunghe da completare come ad esempio la verifica ed eventuale correzione dei link interni agli articoli/pagine/menu dei singoli siti.

Google Analytics e Google Search Console

Diverso il caso di Google Analytics e della Search Console di Google. Sulla rete esistono diverse soluzioni su come effettuare la variazione negli account dei due servizi. Ma nessuna ufficiale e realmente esplicativa di Google.

La soluzione definitiva la ho avuta telefonicamente dalla stessa Google interpellata in merito. Eccola.

Google Analytics

Dalla voce “Impostazioni proprietà” del sito, nel pannello di amministrazione di Google Analytics, modificare l’URL predefinito da http a https.  In questo modo non si perdono le statistiche pregresse. Lo ho verificato personalmente nei siti per i quali ho effettuato la migrazione.

Modificare eventualmente anche la “Impostazioni delle viste” qualora fosse presente la versione http del sito.

Google Search Console

Diversa invece la procedura per la Search Console dove è necessario creare una nuova proprietà per il sito in versione https reinserendo nuovamente le informazioni ed inviando una nuova sitemap.

Se il reindirizzamento dal sito in http a quello in https è stato effettuato correttamente nel file .htaccess, non perderemo visite ed indicizzazione.

Anzi. L’indicizzazione della nuova proprietà in https, anche se lenta, non soffrirà degli errori accumulati nel tempo dalla versione in http.


Qualora non foste in grado di effettuare la migrazione da http a https del vostro sito contattatemi per una offerta.

 

 

 

 

 

Sono consulente di Web Marketing, SEO e Web design. Realizzo siti internet portando sui nuovi media l'esperienza acquisita in 30 anni di lavoro nella comunicazione a Roma, Firenze, Milano e New York.

Rimani Informato

Iscriviti ora a Trucchi e Consigli.
Riceverai periodicamente consigli, trucchi ed aggiornamenti su come far crescere ed ottimizzare il tuo sito, sugli aggiornamenti degli aspetti legali ed in genere su quello che dovresti sapere per gestire un sito.

I campi contrassegnati con * sono necessari per dare seguito alla richiesta.

Altri trucchi e consigli

Leggili tutti